#Panissimo 19 e la mia focaccia a lunga lievitazione con farina di cece nero

focaccia con farina di cece nero a lunga lievitazione

(scroll down for english version)

Sono emozionata! La Sandra e la Barbara (per dirla alla romagnola…) sono oramai dei miti per tutti noi appassionati di lievito e farina ed avermi dato la possibilità di ospitare Panissimo è come aver vinto alla Lotteria (ho un po’ esagerato….ma in fondo rende l’idea).

Lo scrivo per chi non mi conosce e passerà di qui a lasciare meravigliose ricette, pani e panini dai mille buchini, grissini stirati e non e focacce come se piovesse: sono una neofita, custodisco (gelosamente) il mio lievito madre da poco più di  6 mesi (e fino ad allora il pane l’ho sempre comprato) e non ho mai fatto un corso di panificazione…..il che vuol dire che ho tutto da imparare e quale miglior occasione questa per studiare e riprovare le ricette per porterete a Panissimo.

Vi dò il benvenuto con una focaccia perché finalmente è arrivata l’estate, abbiamo tutti voglia di uscire all’aperto, di goderci il mare o la montagna, di mangiare allegramente in compagnia e quale miglior pasto frugale e conviviale da addentare con una fettina di prosciutto o un tocco del nostro formaggio preferito. E se possibile da gustare con un buon bicchiere di vino!

Ho utilizzato una farina particolare, che ho scoperto un mesetto fa al caseificio dove mi rifornisco di latte, mozzarella di bufala e formaggio, ottenuta dalla macinazione del cece nero piccolo.

focaccia con farina di cece nero 5

focaccia con farina di cece nero 4

Si tratta di un legume ancora poco diffuso, dalla caratteristica buccia nera, ricchissimo in ferro e fibre (tre volte tanto la quantità presente nel cece comune) che purtroppo non ha mai avuto una larga diffusione necessitando di un tempo di ammollo di 24 ore e di oltre un’ora e mezza di cottura. Ha un sapore vagamente erbaceo e la sua naturale sapidità consiglia di consumarlo con un filo di olio extravergine di oliva evitando di aggiungere il sale.

Ricordo che chiunque può partecipare a Panissimo…è sufficiente postare una ricetta da forno, dolce o salata, purchè si tratti di un lievitato anche se Sandra e Barbara sono talmente buone da accogliere eventuali ricette senza lievito!

Le regole per partecipare alla raccolta sono le seguenti:

– inserite il banner di Panissimo nella colonna laterale del vostro blog

nuovo italia
– inserite il banner anche nella ricetta che partecipa alla raccolta,
– citate le organizzatrici Barbara e Sandra inserendo i relativi link ed il mio blog,
– mandate se volte il pane anche qui, al nostro blog gemello polacco,

nowy2
– per inserire la ricetta è sufficiente cliccare sulla ranocchia blu poco sotto. Se vi fa piacere potete anche lasciarmi un commento.

And here is the complete set of rules in English for our foreign friends:

1. post a baked good of any type, just make sure it is based on yeast, commercial (fresh or instant yeast) or natural (sourdough or other ferment) or… strictly and only in the case of flatbreads or other special unleavened breads, even without yeast. You can send us as many baked goods you want as long as they are fresh (baked within the 1 month interval of each edition)
2. include in your post a link to me, Barbara of Bread & Companatico, and to Sandra of Indovina chi viene a cena?. If the monthly collection is hosted by someone else, mention ALSO the name of and link to the host.
3. insert the link to your bread posted anytime during the month in the PANISSIMO opening post of the monthly host. A linkage system is placed at the end of each PANISSIMO opening post. A list of hosts for each month can be found in Sandra’s page (and soon also here).

That’s pretty much IT. Not so complicated, right? For any question, doubt, explanation don’t hesitate and write to us: panissimoblog@gmail.com

focaccia con farina di cece nero 3

focaccia con farina di cece nero 2

FOCACCIA CON FARINA DI CECE NERO A LIEVITAZIONE NATURALE (per una teglia da 35×28 cm)

  • 400 gr di farina 00
  • 200 gr di farina di ceci neri piccoli biologica
  • 495 ml di acqua
  • 150 gr di lievito madre rinfrescato e maturo
  • 8 gr di sale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • pomodori
  • olive nere
  • sale grosso

In attesa che il lievito madre maturi, in una ciotola o nell’impastatrice mescolate insieme le due farine con 425 ml di acqua, coprite con un panno da cucina pulito ed umido e lasciate riposare.

Trascorso questo tempo sciogliete il lievito madre in 70 ml di acqua dopodiché unite il prefermento di acqua e farine. Impastate fino a formare un composto omogeneo e fate riposare 30 minuti prima di unire il sale e l’olio. Fate riposare ancora l’impasto per 30 minuti prima di eseguire 3 giri di pieghe stretch&fold attendendo mezz’ora tra una e l’altra.

Coprite con la pellicola e mettete in frigo per 48 ore.

Trascorso questo tempo estraete la ciotola e lasciate a temperatura ambiente per mezz’ora (anche un’ora se le temperature fossero più basse) dopodiché stendete l’impasto in una teglia ricoperta con carta da forno, coprite con il panno da cucina e lasciate lievitare (a me sono occorse un paio d’ore).

Fate una leggera pressione con le punta delle dita sull’impasto in modo da creare tante fossette; in una ciotolina emulsionate dell’acqua con dell’olio e pennellatevi con generosità la superficie. Distribuite i pomodori tagliati a rondelle e le olive nere, spolverate con il sale grosso ed infornate in forno già caldo a 200° C sino a doratura (serviranno 20-25 minuti).

focaccia con farina di cece nero 1

NATURALLY LEAVENED BLACK CHICKPEAS FLOUR FOCACCIA (makes a 28×35 cm focaccia)

  • 400 gr AP flour
  • 200 gr organic black chickpeas flour
  • 495 ml water
  • 150 gr sourdough, refreshed and mature
  • 8 gr salt
  • 2 tablespoons extravirgin olive oil
  • cherry tomatoes
  • black olives
  • coarse salt

Refresh sourdough, meanwhile in a bowl stir together the flours with 425 ml of water, cover with a damp clean kitchen towel and let it rest.

When sourdough is mature, dissolve it in 70 ml of water; add at this point the water and flours mixture. Knead until you get a homogeneous dough and let stand 30 minutes then add the salt and oil. Let the dough rest again for 30 minutes before making 3 series of stretch & fold (waiting for half an hour between one and the other).

Cover with cling film and transfer in the fridge for 48 hours.

Take the bowl out of the fridge and leave at room temperature for half an hour (you might wait for an hour if temperatures are lower) then roll out on a baking sheet lined with parchment paper, cover with kitchen towel and let rise.

Using your fingertips make a gentle pressure on the dough to create many dimples; in a bowl mix some water with oil and generously brush the focaccia surface. Spread on top the sliced tomatoes and black olives, sprinkle with coarse salt and bake in a preheated oven at 200° C until golden brown (20-25 minutes).

***

Con questa ricetta partecipo alla Raccola BYOB del blog Sweet and That’s it

a6709612-57fa-482d-b94f-4d848923d841_zps49949786

101 pensieri su “#Panissimo 19 e la mia focaccia a lunga lievitazione con farina di cece nero

  1. sandra pilacchi

    E CECE NERO SIA!!!! io li adoro i ceci Silvia!!! e grazie, grazie per la presentazione mitica!!!! ah ah ah! ma lo sai, non siamo poi così mitiche ma molto umane!!!
    un onore essere ospitate da te tesoro!!! apriamo le danze allora e che il lievito sia con noi!
    Sandra

    Rispondi
  2. Erica Di Paolo

    Adoro i ceci neri e adoro questa focaccia. Adoro la volontà di fare, imparare e arricchirsi di esperienze. Sei deliziosamente tutto questo, cara Silvia. Ma quanto la addenterei, questa delizia ^_^

    Rispondi
  3. martina

    Silvia è fantastica questa focaccia. Devo, devo provarla. Ma il cece nero (come hai detto tu) è difficile da trovare, almeno io ancora non l’ho visto. Ma per caso il caseificio dove ti fornisci lavora anche con i GAS? Ne sto cercando uno non troppo distante (che la maggior parte sono spesso nel sud) per motivi di inquinamento, Km0 … insomma solite mie tare mentali!!!
    E poi se proprio non riusccissi con il cece nero nel caso potrei variare con quella di ceci normale … cambiando magari idratazione?!
    Basta finisco con le domande, ti ringrazio in anticipo, e ti auguro buona giornata (e buona raccolta di Panissimo) 🙂

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      non so se lavorano con i Gas però potresti provare e mandare una mail…se non hai riscontri fammelo sapere che alla prima occasione vado di persona!
      credo che comunque a loro farebbe piacere…hanno tanti prodotti interessanti da vendere…
      pensa che vanno in giro per le Marche con il caciobus!
      sì puoi sempre provare con l’altra anche se questa ha tutto un altro sapore (richiama vagamento il grano saraceno)

      un bacione

      Rispondi
      1. martina

        Scusami Silvia, ma non riesco a trovare il loro link nel tuo post. Mi potresti dar il loro nome o sito? Grazie e scusa se ti rompo così tanto.
        ps: il post golosissimo che hai messo ora meglio se non lo leggo … già so che starei male al sol pensiero!!! 🙂
        Grazie ancora e buona serata

  4. Ileana

    Silvia, sai quanto amo panificare e capisco bene la tua emozione!
    Ho assaggiato i ceci neri solo una volta, ma adesso sono curiosissima di assaggiare questa farina… mi piace molto quella di ceci classica ( la sto usando anche adesso! ), ma sono certa che questa è ancor più speciale.
    Poi noi non siamo così lontane.. magari mi capiterà di fare un giro in quel caseificio ^_^
    La focaccia è unica, la mangerei subito! :***

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      è vero non siamo poi così lontane soprattutto se sono da mia sorella nel Piceno!
      magari se dovessimo incontrarci te ne porto un pacchettino

      un bacione e buona serata

      Rispondi
  5. Piatticoitacchi.wordpress.com

    Sono impressionata dalla tua bravura nell’apprendere i segreti della panificazione 🙂
    Spero di riuscire a partecipare, ma non ho trovato la ranocchia blu 😦
    Me la sono perso io o non c’è?
    Comunque questa focaccia deve essere strepitosa!
    Baci cancerina

    Rispondi
      1. Piatticoitacchi.wordpress.com

        Ah, adesso ho capito…la ranocchia non si vede, ma c’è un punto in cui c’è una piccola zona cliccabile, solo che il link non va, o meglio, mi porta su una pagina che però non mi reindirizza correttamente…
        Non voglio metterti in allarme, non vorrei che fosse un problema del pc dell’ufficio…ora provo a vedere dal telefono cosa vedo….

  6. rise of the sourdough preacher

    Che meraviglia Silvia, questa tua focaccia ha un aspetto stupendo.
    Soffice soffice, lievitata benissimo.
    Ma la farina di cece nero accidenti dove riesco a trovarla???
    Mi dovrò attivare perché oramai mi hai incuriosita tropp, prima con la piadina e con la focaccia ora.
    Spero di riuscire a partecipare questo mese, sto perdendo molto i colpi con Panissimo ultimamente…troppe idee per la testa (e pure un nuovo nipotino nato poco meno di un mese fa 🙂 )
    Ti mando un abbraccio enorme
    Baci bacissimi
    Lou

    Rispondi
  7. elenuccia

    Mamma mia che spettacolo, questa focaccia deve essere strepitosa. Adoro le focacce questa sembra proprio rustica come piace a me. Non avevo mai sentito parlare di questa farina, credo di non averla mai vista in giro

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      credo sia un po’ difficile da trovare…e anche per me una perfetta sconosciuta fino a qualche settimana fa! il cece nero però si trova…almeno nelle grandi città…magari ti organizzi per macinarlo

      buona serata

      Rispondi
  8. panelibrienuvole

    Congratulazioni Silvia! Devi essere felicissima di ospitare questa iniziativa…e questa focaccia dimostra che te la meriti tutta, perché fa troppa gola!! Colori meravigliosi, alta e soffice…e il cece nero diventerà il mio prossimo oggetto di ricerca, sono troppo curiosa! Già so che mi piacerà… 🙂
    Un abbraccio e buona giornata.
    Alice

    Rispondi
  9. Monica

    Che bello…questo mese tutti dalla Greg!!!!
    Favolosa la tua focaccia…una curiosità sul gusto di questi ceci..assomiglia a quelli classici???

    Baci e via a rinfrescare!!!
    monica

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      quando impasti l’aroma è lo stesso…poi in cottura cambia leggermente per diventare erbaceo…un po’ simile al grano saraceno

      allora ti aspetto con tante ricettine favolose!
      un bacione

      Rispondi
  10. Claudia

    Ecco la farina della quale accennavi giorni fa.. ma che particolare!!! E quando la trovo io :-(.. vorrei tanto assaggiare la tua focaccia e sentire il suo sapore.. Bellissima davvero.. samck

    Rispondi
  11. zia consu

    Sarai una splendida padrona di casa e vedo che hai già inaugurato il mese con una vera specialità ^_^ Complimenti e aspettati i miei pani ^_*
    Buona serata cara ❤

    Rispondi
  12. anna

    wow, questa focaccia parla..e quella farina? mi incuriosisce parecchio! e poi complimenti..sei una padrona di casa che ha ospitato egregiamente questa edizione di panissimo! 😉 brava cara! un abbraccio

    Rispondi
  13. lapetitecasserole

    Incredibile ma vero qui a Montreal ci sono 40° (sopra lo zero, non sotto!), ergo si muore di caldo. Tutti a dire che non hanno fame… io continuo ad averla e ad aver voglia di tutto o quasi. Questa focaccia sarebbe la conclusione di questo giorno di festa (Canada day), magari con una bella birra ghiacciata… é veramente bellissima Silvia, si fa mangiare con gli occhi! Sappi inoltre che avevo sentito da te qualche tempo fa di questo cece nero, 2 settimane fa, ancora in vacanza in Italia, durante un piacevole soggiorno in Val d’Orcio in un ristorante ci hanno servito il cece nero, che soddisfazione spiegare a tutti cosa fosse!

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      ma dai sono proprio contenta che grazie alle mie indicazioni sei riuscita a fare da cicerone sul cece nero! viste le temperature quasi quasi potrei ben adattarmi al Canada…almeno per 6 mesi l’anno! bacioni

      Rispondi
  14. Daria

    Che delizia questa focaccia, con questa farina deve essere superba! Spero di riuscire a trovarla in giro… ti lascio anche il mio contributo per la raccolta di questo mese, qualcosa di dolce…

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      allora aspetto Lilli anche una tua ricettina! mi sembra di ricordare che sei a Milano…pertanto credo non dovresti fare fatica per trovarla
      un abbraccio

      Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      sono certa che ti piacerà molto! è un po’ difficile trovarlo ma ce ne sono varietà in diverse regioni italiane…se non riesci avvisami che te ne spedisco un pacchettino
      notte!

      Rispondi
  15. Maria Teresa

    Ciao, anzitutto complimenti per la tua goduriosissima focaccia!
    Posso immaginare la bontà, ho provato anch’io ad inserire i ceci, anche se non quelli neri, negli impasti lievitati. Risultato garantito!
    Volevo inserire la mia prima ricetta del mese, ma non ci sono riuscita, non mi da la schermata giusta, puoi aiutarmi? Ho già l’articolo qui http://www.degustibusitinera.it/ricettario/lievitati-rustici/84-grissini-e-fiorellini-di-pane.html
    Grazie
    Maria Teresa

    Rispondi
  16. Terry

    Silvia questa farina non l’ho mai vista ma che faccia ha questa focaccia??? Spettacolare, mi leccherei lo schermo, guarda! Arrivo eh, porta pazienza che arrivo con una specie di bastoncini di pane. Spero domani o al massimo venerdì. Ti mando un abbraccione e vedrai, verranno in tantissimi per Panissimo, ne sono certa. :-*

    Rispondi
  17. lappetitoviendicinzia

    Eccomi!! Provvedo subito ad inserire il banner e a modificare post per la raccolta. Scusami su face non funzionava, ma con il link che mi hai lasciato tu funziona alla perfezione :-)!! Grazie mille 🙂 si appare ancora il nome del mio vecchio blog, ora diventato Cinzia ai fornelli, scusami ancora e provvedo ad inserimento 🙂 Un abbraccio 🙂

    Rispondi
  18. Lucia A.

    Con questa raccolta si hanno delle piacevoli scoperte, come il tuo blog! 🙂 Mi ha fatto piacere conoscerti! 🙂 Partecipo a Panissimo di Luglio con la mia ultima creazione con la pasta madre..La treccia russa! Con crema di ricotta, scorzette candite homemade e gocce di cioccolato…http://blog.giallozafferano.it/dolcesalatoconlucia/treccia-russa-morbidissima-con-crema-di-ricotta-e-gocce-di-cioccolata-con-lievito-madre/
    Solo che ho sbagliato a selezionare la foto, si può rimediare?
    A presto, Lucia 🙂

    Rispondi
    1. la Greg Autore articolo

      grazie Lucia e benvenuta!
      sì puoi eliminare il link o cambiare foto… se non riesci fammelo sapere che provvedo io

      poi passo da te a leggermi la ricettina (sappi comunque che amo la ricotta pertanto già il suo nome mi manda in visibilio!)

      ciao
      Silvia

      Rispondi
  19. Pingback: Pissaladière o quasi, col Bimby | Food Blogger Mania

  20. Pingback: Baguettes? No, Bastoni di pane | I Pasticci di Terry

  21. Pingback: Tortillas di frumento e mais…filnamente le ho trovate! | Food Blogger Mania

  22. cristiana

    L’ho scoperto così: volendo partecipare alla raccolta Panissimo che ho messo da parte da un po’, ho scoperto che questo mese tocca a te! Allora tra poco arrivo! baci cri

    Rispondi
  23. Pingback: Pane con polenta bianca | I Pasticci di Terry

  24. Pingback: Pane con Setaccio Mulino Marino | Gianluca in Cucina

  25. SA

    La tua focaccia con la farina di cece nero è FAVOLOSA!!!dove l’hai trovata?!
    Comunque ho inserito anche la mia ricetta!
    Ciao!!

    Rispondi
  26. Pingback: Pane - Ciabatte con birra | I Pasticci di Terry

  27. Pingback: Il mio primo pane con pasta madre – My first sourdough bread | Crumpets & co.

  28. Terry

    Ciao Silvia, ho aggiunto il mio link! 🙂 …il mio primo pane con lievito madre… emozione!
    So che avevi visto anche la crostata di ciliegie con pasta di pane ma l’aveva già unita al WHB che non consente altre iniziative… ma tanto ora unisco questo! 🙂
    Non sono per ora nel gruppo di re-cake… ma se riesco a partecipare questo mese poi mi unisco! 🙂 bella iniziativa anche quella! 🙂 …cmq su FB sono Teresa Zanata! 🙂
    baci

    Rispondi
  29. Pingback: Il mio primo pane con pasta madre – My first sourdough bread

  30. Pingback: Il mio primo pane con pasta madre – My first sourdough bread | Food Blogger Mania

Puoi lasciare qui il tuo commento, lo leggerò con piacere e ti risponderò non appena possibile

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...