Archivi tag: miele

Muffin integrali al miele e fiocchi d’avena (con sopresa)

muffin integrali al miele 013

Care mamme, amiche, colleghe scordate di avere in dispensa i flauti del Mulino Bianco, le ciambelle Mister Day, le Kinder Brioss e pensate che con solo qualche minuto di impegno e, soprattutto, con una sola ciotola da lavare, potete preparare queste meraviglie per la merenda dei vostri bambini.

Hanno un sapore grezzo, rustico ma sincero perchè fatte con ingredienti semplici. Chiaro che conservanti, coloranti, addensanti rendono i prodotti industriali più appetibili all’occhio ed al palato ma se non abituiamo i nostri cuccioli a nuovi sapori e consistenze (quali possono essere quelle di una farina integrale) non potremmo mai sperare di vederli preferire questo cibo a quello spazzatura che purtroppo li circonda.

La ricetta l’ho trovata nel blog di Labna dove ogni tanto butto un occhio. L’ho leggermente rivisitata, aggiungendo i fiocchi di avena che ne migliorano decisamente l’estetica e la confettura di lamponi che crea una nota dolce-acidula all’interno.

muffin integrali al miele 009

muffin integrali al miele 005

MUFFIN INTEGRALI AL MIELE E FIOCCHI D’AVENA

Ingredienti per 20 dolcetti:

  • 125 gr di burro
  • 200 gr di miele (per me millefiori ma potete scegliere quello che più vi piace)
  • 360 di farina integrale (per me biologica macinata a pietra)
  • 250 ml di latte intero
  • 2 uova e un tuorlo
  • 5 cucchiai di fiocchi d’avena
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 punta di cucchiaino di bicarbonato
  • 1 pizzico di sale
  • confettura extra di lamponi

Versate in una terrina il burro sciolto e il miele e mescolate bene, aggiungete quindi le uova, il latte e i fiocchi di avena. Per ultimo unite la farina setacciata con il lievito, il pizzico di bicarbonato ed il sale. Ottenuto un impasto liscio ed uniforme, riempite per metà dei pirottini da muffin, mettete al centro un cucchiaino colmo di confettura, quindi ricoprite con ulteriore impasto (non superate comunque il bordo dello stampino perché in cottura lievita). Distribuite sulla superficie dei muffin qualche fiocco d’avena ed infornateli nel forno già caldo a 180° per 20 minuti circa.

Ecco come appare l’interno del muffin, invitante vero?

muffin integrali 001

Anche con questa ricetta partecipo al contest di Coccole di dolcezza – “che merenda mi dai?”.

banner contest che merenda mi dai

Con questa ricetta partecipo altresì al contest Rigoni di Asiago ‘Il miele protagonista di ricette dolci e salate’

contest-1-banner

Mousse al caramello con salsa di pere (ubriache)

24.02 025

Il ‘piccolo’ di casa ci dà la sveglia per il secondo giorno consecutivo alle 6.45 mentre mio marito ed io vorremmo continuare a dormire, cullati dal nostro avvolgente materasso. Ci alziamo quasi subito ancora insonnoliti e ci dirigiamo tutti e tre spediti verso la cucina consapevoli di cosa sta per avvenire. Come ogni mattina, la voglia di latte è talmente tanta che i 45 secondi sufficienti a far scaldare il biberon nel micronde non bastano ad evitare pianti da coccodrillo!

Soddisfatta la sua fame da lupetto ci gustiamo la nostra colazione….un bel caffè caldo ed una fetta del famoso panettone per mio marito, latte caldo e fette biscottate per me.

Che si fa ora? Fuori è uscito il sole e potremmo andare a fare una passeggiata ma ancora è troppo freddo; a votare (idee chiare in casa nostra ma praticamente agli antipodi) andiamo dopo pranzo quando troviamo meno gente, il bagnetto l’abbiamo fatto ieri pomeriggio…beh, non mi resta che pulire un pò mentre gli ometti di casa si accomodano sul divano  per guardare la mitica Peppa Pig.

Al pranzo ci ho già pensato ma preparo tutto all’ultimo minuto (poi posto nel blog) tranne il dolcetto che è in frigo da ieri sera perchè aveva bisogno di rassodarsi.

E’ una ricetta presa in prestito dalla mia collega Barbara, il cui ricettario è rigorosamente ordinato per pagina con tanto di quaderno ad anelli rigidi…io ci ho provato in questi anni ma non ci sono mai riuscita…ne ho fatto uno dividendolo in 4/5 sezioni (con tanto di cartoncino colorato a fare da separè) a seconda della categoria dei piatti poi quando ho realizzato che dovevo continuamente aggiungere nuovi fogli, metterli in ordine alfabetico, aggiornare l’indice ho rinunciato.

La mousse è morbidissima (altrimenti non si chiamerebbe così) e super golosa con il suo retrogusto di caramello; ottimo il contrasto con la copertura croccante di mandorle e cacao nonchè, perfetto direi, l’abbinamento con la salsa di pere ubriache.

24.02 026

MOUSSE AL CARAMELLO CON SALSA DI PERE (x 4 persone)

per la mousse

  • 300 gr di panna fresca
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 1 foglio di colla di pesce
  • 2 cucchiai di caramello
  • 1 cucchiaio di miele
  • cacao in polvere (io ho messo codette di cioccolato ma decisamente meglio il cacao perchè stempera il dolce del caramello)
  • mandorle o nocciate tostate e tritate (io a bastoncini)

per la salsa

  • 300 gr di pere (per me kaiser)
  • 50 gr di zucchero
  • 350 gr di acqua
  • 3 cucchiai di liquore dolce profumato (per me Armagnac)

Far bollire molto dolcemente 100gr di panna con lo zucchero ed il miele fino ad assumere un colore beige/marroncino chiaro. Togliere dal fuoco, aggiungere il caramello (*) e la colla di pesce ammorbidita 10 minuti in acqua fredda, mescolare bene e lasciar raffreddare.

Montare molto bene la restante panna poi incorporare delicatamente con la salsa al caramello. Mettere in una zuppiera e spolverare di cacao e mandorle/nocciole tritate.

Servire con la salsa di pere preparata facendo cuocere le pere sbucciate a spicchi con lo zucchero, l’acqua ed il liquore finchè diventano morbide (io ho aggiunto anche una puntina di panna fresca). Scolarle e frullarle aggiungendo se necessario una parte dello sciroppo di cottura.

(*) il caramello liquido si prepara mettendo in un pentolino a fondo spesso 100 gr di zucchero, portandolo ad ebollizione senza mai girarlo fino a diventare di colore bruno. Si aggiungono quindi 50 gr di acqua bollente e  si toglie dal fuoco (attenzione a questo passaggio perchè il caramello bollente potrebbe schizzare fuori dal pentolino ed ustionarvi pertanto è consigliato proteggersi con uno strofinaccio od un guanto da cucina).